Il coccodrillo giurassico con denti da T. rex

Studiato al Museo di Storia Naturale di Milano, la principale istituzione scientifica del Comune di Milano-Cultura, è il più grande e più antico coccodrillo notosuco. Soprannominato “Razana”, anticipa di ben 42 milioni di anni la comparsa di un gruppo di coccodrilli terrestri che erano in grado di surclassare anche i dinosauri.

Nuovi fossili scoperti in Madagascar, pubblicati sulla rivista scientifica PeerJ da paleontologi italiani e francesi, iniziano a colmare un lungo vuoto nella linea evolutiva dei “Notosuchia”, coccodrilli preistorici che finora erano sconosciuti nel Giurassico.
Robuste mascelle armate di enormi denti seghettati, che per forma e dimensioni si avvicinano a quelli di un T. rex, fanno pensare che Razanandrongobe sakalavae (questo il nome dell’animale studiato, che significa “lucertola antenata gigante della regione Sakalava”) si nutrisse anche di tendini e ossa.

Una combinazione di caratteri anatomici particolari identifica questo animale come un notosuco giurassico, affine ai baurusuchi del Sud America, che erano coccodrilli predatori altamente specializzati e adattati agli habitat di terraferma, diversi dai coccodrilli odierni: possedevano un cranio alto e massiccio, non appiattito, e camminavano eretti sulle quattro zampe, ben sollevati da terra. Come questi e altri coccodrilli giganti del Cretaceo, “Razana poteva competere anche coi dinosauri teropodi, raggiungendo in Madagascar l’apice della catena alimentare, senza temere rivali” – afferma Cristiano Dal Sasso, primo autore dello studio e paleontologo del Museo di Storia Naturale di Milano.

Razanandrongobe sakalavae è certamente il più antico - e probabilmente il più grande rappresentante dei “notosuchi”, che documenta un improvviso aumento delle dimensioni corporee nella storia evolutiva di questi animali.
“La sua posizione geografica, in un periodo geologico in cui il Madagascar si stava separando dalle altre terre emerse (Giurassico medio, 170 milioni di anni fa), fa pensare che Razana fosse una specie endemica. Al tempo stesso, è un indizio che rafforza l’idea che i Notosuchia si siano originati nella parte meridionale del supercontinente Gondwana” – precisa Simone Maganuco, coautore della ricerca.

Ufficio Stampa Comune di Milano: elenamaria.conenna@comune.milano.it
Contatto al MSNM: cristiano.dalsasso@comune.milano.it
Cartella stampa completa di immagini e filmati: www.comune.milano.it/museostorianaturale/index.html

Il coccodrillo giurassico con denti da T. rex